Open menu

MLAD Mediateca Cimbra

Piattaforma per la diffusione della lingua cimbra

Kulturinstitut Lusern Provincia Autonoma di Trento Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol
homepage » ADOC » Audio » Fiabe e filastrocche » B 16857

B 16857
(Luserna, 01.06.1973; responsabili: I. Schönhuber; Dr. Wilfried Schabus; Prof. Maria Hornung)

'Z iz gest inan bintar un iz-ta gest vil schnea;

Era d'inverno e c'era molta neve;

un izz-ze-se gevuntet inn ena tåna dar per un dar vuks.

e si sono trovati in una tana l'orso e la volpe.

Alóra hatt-z s(e)guitart z' snaiba, snaiba, snaiba,

Allora continuava a nevicare, nevicare, nevicare

insomma da håm nicht gehatt to vrèzza å.

insomma non avevano niente da mangiare ahn.

Alóra khü(t)-ta dar vuks: "k' baz tüa-bar? da sterb-bar vor hummar?

Allora dice la volpe: "Che facciamo? moriamo qui di fame?

'z iz pezzar az-bar gian z' sega, bi-bar vennen eppaz z' èzza".

è meglio se andiamo a vedere se troviamo qualcosa da mangiare".

"Guat, guat" hatt-ar khött dar per, "gea-bar!"; "Un bo gea-bar?"

"Bene, bene" ha detto l'orso, "andiamo"; "E dove andiamo?"

"Eh" hatt-ar khött, "aft ummana lait odar att åndar".

"Eh" ha detto (=la volpe), "da una parte o dall'altra".

'Att bela sait bar pensàrn to giana"

"Dalla parte dove pensiamo di andare"

"Guat" hatt-ar khött dar vuks, "bar gian att disa sait da".

"Bene" ha detto la volpe, "andiamo da questa parte".

Un sèmm gian-sa, un gian, un gian nero,

E lì vanno, e vanno, e vanno, vero,

un rivan kan stall von an bakå.

e arrivano alla stalla di un contadino.

"Èkko" hatt-ar khött, "si(g)s(t)-to! est da soin-da di hennen!" hatt-ar khött dar vuks,

'Ecco' ha detto, "vedi! adesso ci sono le galline!" ha detto la volpe,

"Si(g)s(t)-to, est prèch-par inn ditza vestèrle da

"Vedi, adesso forziamo questa finestrella qui

un gian inn to vrèzza, guat?!"

ed entriamo a mangiare, bene?!"

'Z iz gest pa dar nacht, gian-ze in disan stall in pa khlumma vestèrle, å,

Durante la notte, vanno in questa stalla attraverso la finestrella, ahn,

un KASPITO!, di hennen segui..., hevan å to..., to schraiga nero,

e caspita!, le galline conti..., cominciano a..., a berciare, vero,

dar hå to krena un dar..., un dar bakå iz darbékht;

il gallo a cantare e il..., e il contadino si sveglia;

khinnt-ar pitt nan prügl, å, un sik..., vinnt disan per un disan vuks,

arriva con un randello, ahn, e vede..., trova questo orso e questa volpe,

un heft å z' nistla, å.

e comincia a randellare, ahn.

Est håm-sa gehatt gevrezzt sovl; dar vuks iz no auzpassàrt pa vestar,

Ora avevano mangiato abbastanza; la volpe è ancora passata per la finestra,

peró dar per iz-ta nemear guat zo passàra auz pa venstèrle, å.

ma l'orso non è più capace di passare attraverso la finestra, ahn.

Insomma dar per hatt-ar-en nidar ge..., nidargètt a karge nistln å,

Insomma l'orso, (il contadino) gliene ha date giù un sacco di mazzate, ahn,

fin azz-ar iz gerift to..., to gian(a) auz pa tür,

finché non è arrivato (=riuscito) a..., a uscire dalla porta,

to inkìana.

a scappare.

Appena azz-ar iz gest inn in balt, iz-ta sèmm gest dar vuks to paita-n-en.

Appena lui è stato nel bosco, c'era lì la volpe ad aspettarlo.

Alóra hatt-ar khött: "Bi geat-z COMPARE?" hatt-ar khött.

Allora ha detto (la volpe): "Come va, compare?", ha detto.

"Oh sbaige!", hatt-ar khött dar per

"Oh, taci!", ha detto l'orso

"I hån-ar gevånk" hatt-ar khött, "schauge da" hatt-ar khött,

"ne ho prese" ha detto, "guarda qui" ha detto,

"I pin njånka neméar guat to giana huammar".

"non sono nemmeno più capace di andare a casa".

'Un du, COMPARE vuks?"

'E tu, compare volpe?"

"Oh" hatt-ar khött, "I njånka nemear guat to mövara-me".

"Oh" ha detto (=la volpe), "io non riesco nemmeno più a muovermi"

"Alóra bi-tü(a)-bar to giana huam?";

"Allora come facciamo ad andare a casa?";

"Beh" hatt-ar khött, "bar bartn-az randjàrn, odar du..., ⁺odarn..., odar du...,

"Beh" ha detto (=la volpe), "ci arrangeremo, tu oppure, oppure..., tu oppure...,

odar ⁺mi mucht...., ⁺mucht-az tragn uan (a)zpe d-in åndarn.

oppure io deve...., dobbiamo portarci l'uno come all'altro.

Alóra hatt-ar khött dar vuks, ̶ fürbatar ̶, hatt-ar khött:

Allora ha detto la volpe, ̶ furba ̶, ha detto:

"Ah" hatt-ar khött "ben, I pin njånka guat to giana humman" hatt-ar khött, å!

"Ah" ha detto "bene, io non sono nemmeno capace di andare a casa" ha detto, ahn!

Anvetze hatt-ar gest geèzzt ombrómm dar hatt gehatt geèzzt kàtza vil å, ̶ fürbatar ̶.

Invece aveva mangiato perché aveva mangiato troppo, ahn, ̶ furbo ̶.

Alóra dar per khüt: "Ben, ben dei" hatt-ar khött "I nimm-di au i'' hatt-ar khött, "to giana humman in di tåna".

Allora l'orso dice: "Bene, bene dai" ha detto "ti prendo su io" ha detto, "per andare a casa nella tana".

Alóra, alóra dar vuks au aff-di aksl von per, nero, un dar vuks allar kontént.

Allora, allora la volpe sulle spalle dell'orso, vero, e la volpe tutta contenta.

Alóra bal-d-ar iz gest au aff-di aksl, hatt-ar khött: "IL MALÅN PORTA IL SÅN, IL MALÅN PORTA IL SÅN",

Allora quando è stata sulle spalle, ha detto: "Il malato porta il sano; il malato porta il sano, il malato porta il sano",

Hatt-z gemuant: "dar sèll bo-da iz gesùnt..., bo-da iz krånkh trakh in sèll bo-da iz gesùnt, å".

ciò significa: "quello che è sano..., che è malato porta quello che è sano, ahn"

Un asó soin-sa gerift humman in di tåna.

E così sono arrivati a casa, nella tana