Open menu

MLAD Mediateca Cimbra

Piattaforma per la diffusione della lingua cimbra

Kulturinstitut Lusern Provincia Autonoma di Trento Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol
homepage » Biografie

Biografie

2593

WIE IST DAS GEWESEN? WIE DIE LEUTE SIND KHEMMEN NACH LUSERN?

COME È SUCCESSO? COME SONO ARRIVATI GLI ABITANTI A LUSERNA?

Ja, mai tatta hatt-ta kontàrt

Si, mio papà ha raccontato

ES WÄR SEIN ÜBER VÜNF HUNDERT JAHR HER,

che è successo oltre cinquecento anni fa,

soin-da khennt - nèt lachan alòra! -...,

sono arrivati (non ridere allora!)...,

dar... hatt dar khoasar vo DAMALS vo Sbamlånt, hatt-ze gelatt AUSWANDERN,

il... il re di un tempo della Svevia ha..., li ha lasciati emigrare,

un da sain-sa khent her, soin da gest, håm-sa khött, ALSO dise, si håm-si geschribet VON NIKLAUSE.1

e ecco sono venuti qui, c'erano - dicono - anche questi..., si scrivevano (= chiamavano di cognome) VON NIKLAUSE.

Un soin khent, un dòpo håm-sa-se piantàrt atz Lusérn, iz gest allz bait;

E sono venuti, e dopo si sono stabiliti a Luserna, era tutto lontano (= erano isolati da tutto);

da håm-sa auzgehakht DEN balt, gemacht denau a haus

ecco che hanno tagliato via (= disboscato) il bosco, fatto lì sopra una casa,

un dòpo håm-sa ågeheft zo arbata, un gelebet da,

e poi hanno iniziato a lavorare, e vissuto qua,

un dòpo håm-sa ågeheft zo arbata, un gelebet da,

e poi hanno iniziato a lavorare, e vissuto qua,

berbill(bi)zza(n)... - zo macha kholl -, macha kholl, håm-sa gehakht hi un gemacht kholl,

chissà... - per fare il carbone -, per fare il carbone, hanno tagliato disboscato e fatto il carbone,

un da sain gånt vürsnen, un da soin da khennt, uans hatt khött an åndare famildja,

ed ecco che hanno continuato, e ecco sono arrivati qua, uno ha detto a un'altra famiglia,

WO izz-ze herkhennt daz sèll vo de PADREZ

dove è venuta quella di Pedrazza,

- de Pedrazza, boas-to (...) -

- i Pedrazza, hai presente (...) -

soindara khent vo..., vor dinkh..., von Teragnöll auvar.

ne sono venuti da... da coso..., su da Terragnolo.

De Padrez soin khennt von Teragnöll auvar, håm-sa khött.

I Padrez sono venuti su da Teragnolo, dicevano.

- JA - ; - i boaz nèt be-sa soin khent auvar von Teragnöll di sèlln. Nia gehöart-ze, nia gehöart khön nèt - ;

(SI) io non so se sono venuti fuori da Teragnolo quelli là. Mai sentito, mai sentito dire, no..

- I hån gehöart, I hån nia gehöart, azz-(a)ta TERAGNÖLL soin-da Pedrazza. Pedrazza, Pedrazza iz a beleschez..., a belescher nåm,

Io non ho mai sentito, io non ho mai sentito, che a Teragnolo ci sono Pedrazza. Pedrazza, Pedrazza è un nome italiano..., un nome italiano,

(I hån) nia gehöart, i nèt, von bo da soin khent her de sèlln -.

(Io non ho) mai sentito, io no, da dove sono venuti qua loro -.

WAS IST DANN GEWESEN?

CHE COSA È SUCCESSO POI?

Ja, un da håm-sa gearbatet pittn-åndern, da soin-sa-se VERMEHRT, håm lai, ... geboratet-se pittn-åndarn da,

Si, ecco, loro hanno lavorato insime, poi si sono moltiplicati, sono solo, si (sono) sposati tra di loro qua,

da soin hèrta khennt mear, hèrta mear, hèrta mear, infin izz-ta ez khennt 'z lånt Lusérn,2

ecco sono sempre venuti in più, sempre in più, sempre in più, infine è nato il paese di Luserna,

iz gest..., soin-da gest ZULETZT dòpo circa tausankh laüt,3

è stato..., sono stati infine circa mille persone,

soin hèrta geplaibt, de MÄNNER soin gånt afti arbat, bizzan-sa-z pessar baz i - da ham getrunkht an hauf snòps -

sono sempre rimasti, gli uomimi sono andati al lavoro, loro lo sanno meglio di me - hanno bevuto un mucchio di grappa -

- da soin... - soin gånt aff di arbat un di baibar håm gearbatet, soin gånt in di èkhar, gesetzt patàtn, gehauget,

- qui sono... - sono andati al lavoro e le donne hanno lavorato, sono andate nei campi, piantato patate, zappato,

gesetzt patàtn, gesetzt kraut,... - augemaurt dar gåntz Prach, -4

piantato patate, piantato crauti,... - terrazzato tutto il Prach, -

gemacht auz èkhar, - un est de djungen lazzan-ze gean alle, alle NA RAMENGO -, ja, gehauget,

dissodato i campi, - e ora i giovani li lasciano andare tutti, tutti a ramengo -, sì, zappato,

un hèrta gearbatet infin

e lavorato sempre fino

pam bèltkriage bo-sa AUSGEFLÜCHT..., -FLÜCHTN,

alla Guerra Mondiale quando loro (sono) scappati..., scappati,

dòpo in bèltkriage håm-sa demo ågeheft zo giana ummar, di diarndle, di MADL.5

dopo la Guerra Mondiale hanno quindi iniziato a andare in giro, la ragazza, la ragazza.

Un senò vorå soin-sa gest hèrta da, alle in lånt, di månnen lai soin gånt aff di arbat,

E sennò prima sono state sempre qui, tutte in paese, solo gli uomini sono andati al lavoro,

dise vünf, sechs, simm månat, un de dinkh..., un de baibar soin gestånt da zo arbata sèmm, sain..., sain dinkh, saine bisan.

questi cinque, sei, sette mesi, e le cose, e le donne sono rimaste qui a lavorare, i loro..., i loro cosi, i loro prati.

- Un pan bintar, be-sa soin khent di månnen, håm-sa...,

- E in inverno, se tornavano gli uomini, avevano...,

soin-da gest drai kaldìar(a)n, bo-da håm auzgeprennt 'z snòps,

c'erano tre pentoloni, dove scaldavano la grappa,

un de drai kaldiar(a)n soin nèt gest genùmma zo prenna auz genùmma snòps vor di månnen -.6

e i tre pentoloni non erano abbastanza per scaldare abbastanza grappa per gli uomini -.

Dòpo håm-sa hèrta gemacht a khugl, å, getrunkht un geèzzt,

Dopo facevano sempre una balla, ahn, bevuto e mangiato,

un geèzzt un getrunkht - geèzzt un getrunkht -, un da hatt-z sugitàrt hèrta t'snaiba,

e mangiato e bevuto - mangiato e bevuto -, e ecco continuava sempre a nevicare,

t'snaiba, un t'snaiba, un t'snaiba fin azz-ta dar snea iz gest drai, viar metre, magari

a nevicare, e a nevicare, e a nevicare, finché la neve era di tre, quattro metri, magari

un t'schauvla, un z' ezza, un t'snaiba, un z'.., un z' ezza, ECCOLA, un zo trinkha, BASTA, åndarst hatt-z nicht gètt nèt.

e a spalare, e a mangiare, e a nevicare, e a..., e a mangiare, ECCOLA, e a bere, BASTA, di altro non c'era mai (nulla).

Un est o pan bintar, pan bintar 'z heft å z' snaiba

E anche adesso in inverno, in inverno inizia a nevicare

in ditzémbre, un dòpo seguitàrt-z z' snaiba, alòr mucht ma hèrta håm in...,

in Dicembre, e poi continua a nevicare, allora si deve sempre avere un...,

mucht ma hèrta håm di schauvl in di hent z' schauvla,

si deve sempre avere la pala in mano per spalare,

fin ka långez in aprìle, hèrta z' schauvla snea,

fino a primavera in Aprile, sempre a spalare neve,

hèrta schauvln snea, fin azz-z snaibet, fin azz-z hatt..., fin azz-z hatt augehöart, å. - JA -.

sempre spalare neve, finché nevica, finché ha..., finché non ha smesso, ahn. - Sì -.

Un dòpo khinnt schümma bèttar, benn-d' auvar khinnt di sunn però iz barm;

E dopo viene il bel tempo quando viene fuori il sole però è caldo;

un alóra dòpo zorgeat-z-e-se alùmma, in snea.7

e allora poi la scioglie da solo la neve

Ja, ma però ez iz to khön ditza o, å. Est hab-ar an åndarz lem da atz Lusérn,

Sì, ma però c'è da dire anche questo. Ora abbiamo una vita diversa qui a Luserna,

ombrómm inar botta, zo giana vort, ha-bar vortgian zo Kalnètsch,8

perché una volta, per andare via, dovevamo andare a Caldonazzo,

machan drai urn bege zo giana. Est anvetze khinnt de...de korìara da in lånt.

fanno tre ore di strada per andare. Ora invece viene la..., la corriera qui in paese.

Ja, ham-bar-az genump..., ham-bar-az genump di valìs au di aksl

Sì, ci prendavamo..., ci prendavamo la valigia sulle spalle

- odar aff nan slit - odar aff na slit, un dòpo gånt fin hi zo Kalnètsch,

- o su una slitta - o su una slitta, e dopo andavamo fin giù a Caldonazzo,

- Un dòpo, un davòr - un dopo gevånk in treno, un dòpo 'z baibe bidar gevånk a slit,9

- E dopo, e là - e dòpo prendevamo il treno, e dopo la donna riprendeva la slitta

un hatt-en bidar gezoget bidrùmm au atz Lusérn.

e la tirava di nuovo su a Luserna.

Un dar månn iz gånt pittn treno, 'z baibe iz khent pitt slit bidùmm, å!

E l'uomo andava con il treno, la donna tornava indietro con la slitta, ahn!

Anvetze JETZT khinnt-ta di korìara, alóra sitz-par au afti korìar(a).

Invece adesso viene la corriera, allora montiamo su sulla corriera.

- o sinò nem-bar-az an auto - o sinò da iz-ta da dar taxi. E alóra sitzt ma affon taxi un dòpo gea-ma vort pittn taxi, å.

- o sennò ci prendiamo una macchina - o sennò ecco c'è qua il taxi. E allora si monta sul taxi e dopo andiamo via con il taxi, ahn.

ECCOLA, di arbat iz..., gea-ma vort dise sechs, simm monat, acht monat,

Eccola, il lavoro è..., si va via questi sei, sette mesi, otto mesi,

- Ja ma, ma mucht o..., bar khemmen in FERIE o pellar - nouene o

- Sì ma, bisogna anche..., noi presto andiamo in ferie anche - anche nove

monat, bele gian auz in SVIZZE(RA) z' arbata, bele auz in GERMANIA, - bele auz in GERMANIA -,

mesi, alcuni vanno in Svizzera per lavorare, alcuni in Germania, - alcuni in Germania -,

bele stean auz da ka Poatzan - bele gean in..., in..., in..., in... AUSTRIA -,

alcuni stanno qui a Bolzano - alcuni vanno in..., in..., in... Austria -,

bele auz in AUSTRIA z' arbata, un dòpo khemmen-sa humman,

alcuni fuori in Austria a lavorare, e dopo vengono a casa

durch di arbat sparn-sa a pizzle gèlt, un sa sparn, un dòpo khemmen-sa huam, dòpo anìaglaz hatt a sboile,

con il lavoro risparmiano un po' di soldi, e risparmiano, e dopo vanno a casa, dopo ognuno hanno un maialino,

a par, a khua, bo-sa håm in stàll. Èkko un alóra milch, un dòpo patàtn machan-sar' o,

un paio, una mucca, che hanno in stalla. Ecco e allora latte, e dopo patate se ne fanno anche,

milch, kraut machan-sa o,

latte, verze fanno anche,

dòpo håm-sa ditza sboile. Ecco, alóra un dòpo lem-sa.

poi hanno questo maialino. Ecco, allora e dopo vivono.

Un da ka långez dar månn geat bidar vort, làtt da 'z baibe in faff,

E qui in primavera l'uomo va di nuovo via, lascia qui la donna al prete,

iz-ta z' koltivàra o (in) faff.

che c'è da nutrire anche il prete.

- Dòpo bar gem kartza vil zo trinkha in faffan umbrómm du sigst dòpo vonkìan-sa, å!

- Dopo diamo troppo da bere ai preti, perché poi vedi, loro scappano, ahn!

vonkìan-sa ja, bal-sa soin voll pitt pråmpoi un

scappano sì, quando sono pieni con il parampampoli e

pitt cognac un pitt all an taüvle, alóra dòpo gian-sa di faffan, å -.10

con il cognac, e con con ogni ben di dio, allora dopo (se ne) vanno i preti, ahn.

Eh ben, est dòpo khinnt-ta, est dòpo khinnt-ta an åndar dar faff, est!

Eh ben, ora poi viene, ora poi (ne) viene un altro prete, adesso!

Atz vünve khinnt-ar - oh bè az-ta-da ånka khinnt khondar iz listesso -. No no lazz-en khemmen,

Il 5 viene - oh bè, se anche non viene nessuno è lo stesso -. No, no lascialo venire,

a djüngar, a gånz djüngar. Alóra di..., di baibar

un giovane, uno tanto giovane. Allora le..., le donne

????? de laüt, de laüt, de sèlln soin kontént, de selln laüt,

????? la gente, la gente, è contenta, la gente,

de soin kontént, de sèlln baibar.

è contenta, le donne.

- JA -

- Sì -

(??)zbolf di nacht(??)

(??) dodici la notte (??)

WIE IST DAS GEWESEN FRÜHER? IHR HABT NOCH EWAS SAGEN WILL?

COME ERA PRIMA? VOLETE DIRE ANCORA QUALCOSA?

ENIGE STORDJE, WIE LUSERN IST ENTSTANDEN...

QUALCHE STORIELLA, COME LUSERNA È NATA...

Eh de..., Lu..., Lu..., Lusérn izz-ze gestånt...

Eh la..., Lu..., Lu..., Luserna è nata...

Ja a vorloaratz lentle vo niamat da

Sì un paesello sperduto di nessuno

ah iz-ta..., iz-ta gest dar bege, izz-ar gest drai metre bait,

ah c'era..., c'era una strada sterrata, era larga tre metri,

pam bintar, iz-ta gest a..., soin-da gest viar COBIE ross

in inverno, c'era..., c'erano quattro coppie di cavalli

bo-da ham gezoget da slitù UM zo tüana-n-en offe,11

che trainavano lo slittone per tenerla aperta,

un..., un..., anvetze baz to giana bo-bar gian est, atz Lavròu,

e..., e..., invece di andare, dove andiamo adesso, a Lavarone

um pa Fricca,

per la Fricca

sai-bar gånt nidar pa Laz, un soin gånt zo Kalnètch.

andavamo giù per il Laz, e andavamo a Caldonazzo.

I boaz ke I pin no gånt,

So che sono ancora andato,

un...ha-bar gedjukht in snea, t' schauvla au de slavìn,

e..., abbiamo lanciato la neve, per spalar via le slavine (che precipitavano sulla strada),

vi... vo viar MÅN

quatt..., a quattro mani (=2 uomini)

nidar un au pa Laz. Est anvetze håm-bar in POSTAUTO un12

su e giù per il Laz. Adesso invece abbiamo la corriera

un gibetartn bege, å. Est makht ma lem, est

e strade allargate, ahn. Adesso si può vivere, adesso

un senò vorå iz gest nicht.

e sennò prima non c'era nulla.

Est, dòpo disan kriage da, disan bèltkriage, in ZWEITE bèltkriage da,

Adesso, dòpo questa guerra qua, questa Guerra Mondiale, la seconda guerra mondiale,

iz-ze-se gemacht gånz åndarst di bèlt,13

il mondo si è fatto (= è diventato) tutt'altra cosa,

senonda vorå SOIN-MA hèrta gest, ma hèrta gest, dinkh, un anvetze est da14

sennò prima siamo sempre stati, sempre stati, ..., e invece ora qui

pa disan...., dòpo verte ditza bèltkriage, da SOIN-MA khennt ...,15

con questa..., finita questa Guerra Mondiale, siamo venuti qui...,

gevånk in pòstauto,

(abbiamo) preso la corriera,

vil mear arbat, un alle rangiàrn-se

lavorato molto di più, e tutti si arrangiano

be..., ber att ummane sait, ber att åndar, alle ham arbat, alle ham sòlde,

chi..., chi da una parte, chi dall'altra, tutti hanno lavorato, tutti hanno soldi,

alle ham z' ezza, alle ham zo trinkha,

tutti hanno da mangiare, tutti hanno da bere,

un alòra geat-z pezzar.

e allora va meglio.

Un sinonda vorå, in di åndern zaitn,

E sennò prima, in altri tempi,

iz gest PITOSTO...., mag-ar.,

era piuttosto magra

iz gest in 'z djar vünf, sechs-un-draizekh, simm-un-deaizekh,

era nel '35, '36, '37,

acht-un-draizekh, hatt-z ågeheft zo giana pezzar dòpo,

'38, dopo ha iniziato ad andare meglio,

un sinonda vorå, iz gest letz..., ma est geat-z..., draizekh, um-un-draizekh,

e sennò prima, era...., ma adesso va..., nel '30, '31,

zboa-un-draizekh, drai-un-draizekh, un viar-un-draizekh, un vünf-un-draizekh,

'32, '33, '34, '35,

- da hatt ågeheft z' kriage -, vünf-un-draizekh håm ågeheft z' kriage in Afrika,

ecco, è iniziata la guerra, nel 1935 abbiamo iniziato la guerra in Africa,

alóra vil soin gånt in Afrika,

allora tanti sono andati in Africa,

- ja ham-sa gevuntet eppaz danìm in Afrika alóra... -. Dòpo iz gånt

- sì hanno trovato qualcosa laggiù in Africa, quindi... -. Dopo è arrivato

sechs-un-draizekh, simm-un-draizekh, un acht-un-draizekh, - soin-sa gånt in GERMÅNIA, zo arbata -,

il '36, '37 e '38, - sono andati in Germania, a lavorare -,

soin sa gånt in GERMANIA. Noün-un-draizekh

sono andati in Germania. '39

soi-bar gånt soldàdo, beråndre.

siamo andati soldati, noialtri.

Un soin khennt bidrùmm

E siamo ritornati

'z djar zboa-un-viartzekh, khüt-e drai-un-viartzekh, - drai-un-viartzekh, bia daz beleschlånt hatt kapitolàrt... -,

nell' '42, dico '43, - '43 quando l'Italia ha capitolato... -,

benn daz beleschlånt hatt kapitolàrt.

quando l'Italia ha capitolato.

Un dòpo soi-bar gånt z' arbata pitt dar TODT, - dòpo soi-bar gånt z' arbata pitt dar TODT -, fin az-ta iz-gest 'z verte 'z kriage.16

E dopo siamo andati a lavorare con la TODT, - dopo siamo andati a lavorare con la TODT -, finché non è finita la guerra.